• Home
  • News
  • A Sassari cala il gas di città -6%

A Sassari cala il gas di città -6%

SASSARI - Terzo mese consecutivo con il segno meno per il costo del gas di città, distribuito dalla Medea. Il primo trimestre dell’anno, ha registrato, rispetto al dicembre scorso, una forte diminuzione del costo dell’aria propanata, che per il mese di marzo si attesta ad un meno 5,85%. Lo comunica l’azienda concessionaria sassarese, che segnala, inoltre, le variazioni delle tariffe mese, per mese. A gennaio la diminuzione è stata dello 0,53 per cento, per giungere a febbraio fino a un meno 3,92 ed attestarsi a marzo, quasi al meno sei per cento. 

Il calo delle bollette del gas, in assoluta controtendenza rispetto a tutte le altre utenze domestiche, deriva dall’ applicazione delle tariffe indicate dall’autorità per l’energia ed il gas. Lo scorso anno il grande freddo aveva portato ad un aumento dei consumi e ad una vera e propria emergenza nella distribuzione dell’aria propanata, tanto che Medea si era vista costretta, per qualche giorno, a razionare il combustibile. Questo inverno non si sono verificati problemi particolari di approvvigionamento di propano, anche se i rifornimenti restano difficoltosi, perché può essere sufficiente il mancato arrivo di una nave, per creare emergenza. A questo proposito, Medea ha ridotto gli eventuali rischi aumentando del 50 per cento la propria capacità di stoccaggio con la realizzazione, nello stabilimento di Caniga, di un mega serbatoio, installato negli scorsi mesi estivi. 

Ma anche questa soluzione non può essere considerata definitiva, per l’evoluzione del mercato del gpl isolano e per le aumentate richieste di allacci alla rete cittadina. Oltre che per i ritardi nella realizzazione del metanodotto Galsi. Medea sta seguendo, con forte interesse, la possibilità che sotto la guida della Regione Sardegna si realizzi, nell’isola, un deposito di scorte strategiche, utilizzando impianti esistenti, rispondendo in tal modo ad un indirizzo europeo. Tale soluzione garantirebbe certezza nei rifornimenti e determinerebbe anche un minor costo del gpl nel territorio sardo.