• Home
  • News
  • Medea: «Attenti, truffe nei pagamenti delle bollette on line»

Medea: «Attenti, truffe nei pagamenti delle bollette on line»

SASSARI. Truffe e ritardi nei pagamenti delle bollette on line del gas di città. L’allarme arriva da Medea, la società che gestisce il servizio in città, preoccupata soprattutto dopo un episodio verificatosi nei giorni scorsi a una sua cliente. La donna si è vista sollecitare un pagamento che in realtà aveva eseguito puntualmente in uno dei tanti punti di riscossione autorizzati. A questo punto la cliente si è presentata negli uffici di Medea, ma la società non ha ancora ricevuto il pagamento. Da qui la decisione di mettere sull’avviso l’utenza.

«Le società che gestiscono, in alternativa alle Poste, la riscossione delle bollette, di fatto non sono una garanzia di pagamento puntuale per gli utenti – si legge nella nota –, che ultimamente si sono visti recapitare lettere di sollecito, da aziende elettriche o del gas o altro, per un mancato pagamento, che invece, era stato effettuato, con solerzia, tramite un punto di riscossione cittadino con collegamento autorizzato on line». L’ufficio stampa di Medea racconta l’episodio verificatosi nei giorni scorsi e dice di avere sospeso l’interruzione dell’erogazione del servizio «lasciando il tempo alla signora di chiarire la vicenda con il negoziante al quale si era rivolta e che dovrà provvedere al risarcimento, per poi rivalersi legalmente con la società on line per recuperare la somma versata».

«In altri casi – prosegue la nota stampa della Medea –, nonostante il pagamento sia andato a buon fine, le società incaricate della riscossione hanno trattenuto le somme delle bollette anche per diversi mesi, causando non pochi disagi agli utenti, tra accertamenti e lettere di sollecito». «La Medea invita la propria clientela ad effettuare i pagamenti nei modi che ritiene più opportuni – conclude la nota –, ma ricorda che i versamenti alle Poste o con rid bancario, sono sicuramente quelli che offrono maggiori garanzie di puntualità ed evitano inconvenienti e possibili sospensioni di erogazione del servizio».