• Home
  • News
  • Btz, anche Ganau contro le scelte dell’Asl

Btz, anche Ganau contro le scelte dell’Asl

SASSARI - Sul tema dell’inquinamento provocato dalle caldaie del Santissima Annunziata che utilizzano Btz si è espresso negativamente anche il il sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, che nel chiudere i lavori del Forum “Agenda 21 locale Sassari Energeticamente sostenibile” ha definito «gravissimo il fatto che l'ospedale bruci questo olio». Ha anche annunciato una sollecitazione forte, da parte dell'amministrazione comunale, perché non venga più utilizzato il btz. A questo proposito è interventuo anche il direttore di Medea Paolo Porcu che ha ribadito che proprio chi dovrebbe tutelare la salute pubblica, nella struttura di viale Italia sta utilizzando olio Btz. «Per ovviare ai problemi di natura economica - ha concluso - abbiamo proposto alla Asl un accordo commerciale molto vantaggioso».

Per il resto il primo bilancio del Forum è stato positivo. «La città ha manifestato la volontà di voler condividere le scelte che ci porteranno a definire entro il prossimo dicembre il Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile», ha detto l'assessore comunale alle Politiche ambientali, Monica Spanedda, in apertura dei lavori, che si sono svolti nella sala convegni del Comando della Polizia municipale.

Con la "strategia europea 20-20-20" si punta a ridurre del 20 per cento le emissioni di anidride carbonica (CO2) entro il 2020 e nel contempo ad aumentare del 20 per cento il livello di efficienza energetica e del 20 per cento la quota di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile.

È stata anche l'occasione per annunciare l'istituzione di un Energy manager nella pianta organica del Comune, che sarà scelta, per questioni economiche, tra i dipendenti di Palazzo Ducale.